Comunicato stampa, 19.04.12

Lanciata l’iniziativa popolare federale «Protezione dalla sessualizzazione nella scuola

dell’infanzia e nella scuola elementare»

Sempre più frequente si fa la molestia sui nostri bambini delle scuole dell’infanzia e delle scuole elementari dell’ambito di pornografia e insegnamento sessuale. Nel Cantone di Basilea-Città, per esempio, erano  stati allestiti «sexbox» di contenuto pornografico, destinati ai nostri bambini. L’Ufficio federale della  sanità pubblica (UFSP) è intenzionato ad introdurre, con milioni di franchi dei contribuenti, l’insegnamento  sessuale obbligatorio in tutte le scuole dell’infanzia e elementari della Svizzera. Dobbiamo arrestare  questa sessualizzazione dei nostri bambini promossa dallo stato! I nostri figli più giovani hanno un  diritto di crescere senza inquietudini e senza pornografia.  Per questo, l’iniziativa popolare esige «Protezione dalla sessualizzazione nella scuola dell’infanzia e nella  scuola elementare»:

1. Niente insegnamento sessuale al di sotto dei 9 anni d’età. Sexbox e simili nella scuola dell’infanzia e nelle prime due classi della scuola elementare devono essere ritirati.

2. Insegnamento facoltativo in materia di sessualità a cominciare dai 9 anni d’età. Con il consenso dei genitori, il personale d’insegnamento può impartire lezioni di sessualità con facoltà di frequenza.

3. Insegnamento obbligatorio di biologia a cominciare dai 12 anni d’età. Il personale insegnante di biologia può impartire lezioni sulla riproduzione e sullo sviluppo umano.

 

Così proteggiamo i nostri figli più giovani da pornografia e sessualizzazione. L’educazione sessuale rimane di competenza dei genitori. Il diritto dei bambini ad una conoscenza base adeguata all’età sulla riproduzione e sullo sviluppo umano e la protezione dall’abuso sessuale rimangono così garantiti.

Questa protezione deve essere ancorata nella costituzione federale svizzera come diritto fondamentale dei genitori e dei loro figli e di tutti i giovani. Per ottenere ciò, il comitato apartitico ha lanciato il 17 aprile 2012 a Berna l’iniziativa popolare federale «Protezione dalla sessualizzazione nella scuola dell’infanzia e nella scuola elementare».

 

Download